BIOCASPO

Potatura dei castagni e biomasse: nuovo sistema per aumentare sicurezza ed efficienza.

Misura 124 del PSR 2007-2013 della Regione Toscana.
Programma Integrato di Filiera VACASTO (Valorizzazione del castagno in Toscana).

 

Scarica la relazione tecnica .pdf


Il progetto BIOCASPO prevede lo studio e la realizzazione di un prototipo di sistema integrato di ausilio alla potatura del tutto innovativo, basato su un minitrattore polifunzionale che consenta di eseguire da terra le varie tipologie di potatura dei castagni da frutto, automatizzando il più possibile le lavorazioni che al momento sono condotte esclusivamente a mano, da personale selezionato in grado di operare in tree-climbing ed effettuare tagli in quota e quindi in condizioni pericolose.

Lo scopo del progetto è quello di aumentare la produttività, ridurre i costi e le problematiche nella gestione del castagneto, migliorare la salute delle piante, la qualità del prodotto, garantire la sicurezza degli operatori, ed infine ridurre l’impatto ambientale delle biomasse ricavandone anzi energia termica.

La sfida del sistema innovativo di potatura consiste nel fornire ad un operatore esperto di coltivazione ma non in grado di operare sopra la pianta, un agile mini-trattore che lo metta in condizione di effettuare, stando a terra, tutte le operazioni necessarie, con una precisione e qualità di intervento non inferiori a quelle effettuabili in tree climbing.

Esse comprendono:

- la scelta della strategia di approccio alla pianta, in relazione alle sue condizioni generali e alla drasticità dell’intervento pianificato o necessario. In questo senso, la possibilità di avere una visione d’insieme dall’esterno della pianta durante l’evoluzione dell’intervento, rispetto alla visibilità ristretta che si può avere standoci dentro, non può che portare beneficio.

- la diagnosi di malattie poco evidenti. Un sistema di visione telecomandato permetterà di ispezionare con accuratezza almeno pari alla visione umana, anche le parti corticali meno visibili

- l’effettuazione di tagli precisi e con la migliore finitura ai fini della cicatrizzazione: il nuovo sistema permetterà di effettuare i tagli in condizioni ottimali per lo sviluppo successivo della pianta

- il trasferimento a terra delle ramaglie riducendo al massimo il rischio di urti con le parti sane della

pianta: il nuovo sistema consentirà un miglior controllo delle traiettorie di caduta.

- la rimozione dei materiali di risulta: il nuovo sistema consentirà di ottenere rapidamente le pezzature più adatte al trasporto e alla successiva stagionatura, anche ai fini del recupero energetico.

Questo sito utilizza i cookies. Proseguendo la navigazione si intende accettata la nostra cookies policy. Leggi la nostra Cookies Policy.